EcoDesk
software gestione rifiuti

Qualità ambientale

Le difficoltà che le piccole e medie imprese riscontrano all’accedere all’informazione ambientale comportano il rischio di un mancato rispetto della normativa e l’adozione di pratiche non conformi ambientalmente. Il miglioramento delle performance ambientali ha anche un ruolo significativo in termini di competitività delle imprese in quanto ottimizza l’uso delle risorse e rende più efficiente l’impresa.

Il legislatore comunitario individua nelle Camere di Commercio unitamente ad altri soggetti istituzionali (autorità locali, associazioni di categoria, etc), i soggetti funzionali atti a svolgere iniziative di informazione e assistenza tecnica per favorire l’adozione di sistemi di gestione ambientali da parte delle imprese. A partire da un’analisi approfondita del ciclo produttivo, Ecocerved concentra l’assistenza su due filoni preliminari dell’analisi ambientale quali l’identificazione degli impatti ambientali più significativi dell’impresa e la verifica della conformità normativa.

L’intervento viene svolto anche mediante strumenti informatici che consentono di registrare gli impatti ambientali delle varie fasi dei processi produttivi delle imprese interessate e di verificare, mediante check list informatiche, la conformità dell’impresa alla vigente normativa ambientale (es. emissioni nell’aria, scarichi nell’acqua, rifiuti prodotti/gestiti, utilizzo di sostanze pericolose, ecc.).

L’assistenza fornita da Ecocerved si pone l’obiettivo di portare l’impresa a disporre di tutti gli elementi per valutare la possibilità di avviare l’adozione di un sistema di gestione ambientale, fornendo anche schemi documentali e procedurali di riferimento per quanto concerne l’analisi ambientale e la ricognizione delle normative applicabili ai propri impatti ambientali.

Gli specialisti di Ecocerved assistono l’impresa nell’esame di tutte le pratiche e procedure gestionali utilizzate in materia di gestione delle emissioni in aria, acqua e suolo.

A livello territoriale Ecocerved sta operando, in collaborazione con le Camere di Commercio per il riconoscimento di Ambito Produttivo Omogeneo a zone industriali delimitate, o a prevalenza industriale, in cui siano individuabili specifici settori di attività o parti di filiere produttive (distretti, cluster di imprese).

La prima azione si è svolta nell’ambito del settore conciario: i progetti in fase di avvio si focalizzano su differenti settori produttivi quali l’agroalimentare (oleario-caseario, conserviero, lavorazione delle carni) e il turismo.